The Original Killing

Finally Revealed

  • http://www.theoriginalkilling.it/wp-content/uploads/sl4-1.png
  • http://www.theoriginalkilling.it/wp-content/uploads/sl1.jpg
  • http://www.theoriginalkilling.it/wp-content/uploads/sl3.jpg
  • http://www.theoriginalkilling.it/wp-content/uploads/sl2.jpg

The March 15, 1966 was published the number "1" picture story of the most censored in Italy. Published by Ponzoni Milan Publisher 

It was the first sexy-noire-splatter cartoon, in which the characters were not drawn, but real actors who recited and were photographed like on a real movie set.

To interpret the ruthless masked Killing, the director Rosario Borelli chose a young actor considered suitable for the child's physical, both for its indispensable athletic qualities, given the type of scene. As a contractual clause he was asked to be photographed always covered by the mask or at least back, never showing his face even to other players in the picture story.

This hidden identity helped create a veil of mystery and natural curiosity around the character and consequently the actor.

Were published 62 issues from March '66 to April '69, then given the exuberance of the actresses portrayed rather scantily clad and sexy poses (for the time), he intervened censorship that blocked the distribution and therefore was suddenly suspended production.

It was produced at the same time for the French market by the increasingly Ponzoni Publisher, with the name of Satanik, but also in France clashed with the censorship that blocked the distribution even to the sixteenth issue.


Il 15 Marzo 1966 veniva pubblicato il numero "1" del fotoromanzo più censurato in Italia. Edito dalla Ponzoni Editore di Milano fu il primo fumetto sexy-noire-splatter nel quale i personaggi non erano disegnati ma veri attori che recitavano e venivano fotografati come su un reale set cinematografico. 

Per interpretare lo spietato personaggio mascherato di Killing, il regista Rosario Borelli scelse un giovane attore ritenuto adatto sia per il suo fisico, sia per le sue qualità atletiche indispensabili, data la tipologia delle scene. Come clausola contrattuale gli fu chiesto di essere fotografato sempre coperto dalla maschera o al massimo di schiena, senza mai mostrare il volto neanche agli altri attori del fotoromanzo.

Questa identità celata contribuì a creare un velo di mistero e di naturale curiosità intorno al personaggio e di conseguenza all'attore.

Furono pubblicati 62 numeri dal Marzo '66 all'Aprile '69, poi data l'esuberanza delle attrici ritratte piuttosto discinte e in pose sexy (per l'epoca), intervenne la censura che ne bloccò la distribuzione e di conseguenza fu all'improvviso sospesa la produzione.

Venne prodotto contemporaneamente anche per il mercato francese sempre dalla Ponzoni Editore, con il nome di Satanik, ma anche in Francia si scontrò con la censura che ne bloccò la distribuzione addirittura al sedicesimo numero.